Descrizione attività

Rilievi metrici e restituzione grafica 2D e 3D

Il rilievo metrico è una attività molto importante che va svolta con cura e precisione per poter ottenere un risultato planimetrico fedele alla realtà. Per questo motivo il geom. Adriano De Marco svolge rilievi metrici di interni ed esterni utlilizzando strumenti elettronici di massima precisione e fornisce degli elaborati grafici curati nel minimo dettaglio.

 

Pratiche catastali

 

Pratiche di accatastamento per nuova costruzione:

Dopo la realizzazione di un nuovo fabbricato, si presenta la necessità di censire l'immobile nel Nuovo Catasto Edilizio Urbano (N.C.E.U.).

 il geom. Adriano De Marco  svolge tutte le attività necessarie per l'espletamento della pratica, a partire dal rilievo del fabbricato, mediante l'uso di moderne strumentazioni al laser, per poi poter predisporre con precisione il tipo mappale e le nuove planimetrie, fino alla predisposizione dei modelli Doc.Fa per l'attribuzione della rendita catastale.

Pratiche di accatastamento per variazione:

A seguito di divisione, ampliamento, ristrutturazione, demolizione, cambio della destinazione d'uso, ultimazione di fabbricato urbano o altro, si presenta la necessità di aggiornare la situazione catastale e modificare quindi la consistenza di unità immobiliari già censite nel N.C.E.U.

A tale scopo,  il geom. Adriano De Marco svolge tutte le attività necessarie, cominciando da una analisi preliminare della situazione censita nel N.C.E.U. Per poi arrivare ad un rilievo della nuova situazione e alla predisposizione e presentazione delle pratiche necessarie per poter procedere all'aggiornamento.

Visure Catastali:

Qualora si presenta la necessità di ottenere una visura catastale per conoscere vani, categoria, classe e rendita catastale o semplicemente i dati catastali della propria unità immobiliare, il geom. Adriano De Marco offre un servizio di visure catastali svolto presso l'Agenzia del Territorio di Milano.

Estratti di mappa:

L'estratto di mappa evidenzia la posizione della particella terreni indicata dall'intestatario. É spesso utile per individuare l'ubicazione del terreno conoscendone la titolarità o gli estremi catastali.  il geom. Adriano De Marco offre un servizio di richiesta estratti di mappa catastali svolto presso l'Agenzia del Territorio di Milano.

Frazionamenti:

Con l'ausilio di strumenti topografici, si effettuano rilievi ad alta precisione, ai quali faranno seguito la stesura degli elaborati grafici e delle pratiche necessarie per espletare in maniera precisa il servizio di frazionamento. Il servizio risulta essere molto utile in caso di necessità di divisione di un terreno in più parti per vari scopi, oppure semplicemente per poter ottenere una planimetria precisa del terreno di cui si è proprietari.

Volture Catastali:

Le volture catastali sono necessarie ad esempio in caso di successione per causa di morte o consolidamento di usufrutto.

Rettifiche dati catastali e dati immobili:

Qualora si riscontrassero degli errori o dei dubbi sui dati catastali delle proprie proprietà (cognome, nome o denominazione, codice fiscale, luogo e data di nascita, sede legale, diritti e quota di possesso, indirizzo numero civico e piano, numero di vani, superficie catastale),  il geom. Adriano De Marco effettua verifiche preliminari ed eventuale rettifica degli atti.

Pratiche edilizie

 il geom. Adriano De Marco svolge qualsiasi tipo di attività comunale, tra le principali vi sono le seguenti:

 

-interventi edilizi minori consistenti in opere di:

  • Sono considerate Interventi Edilizi Minori le sottoelencate tipologie:

    1. gli interventi di manutenzione straordinaria, ivi compresa l’apertura di porte interne o lo spostamento di pareti interne, sempre che non riguardino le parti strutturali dell’edificio, non comportino aumento del numero delle unità immobiliari e non implichino incremento dei parametri urbanistici (non prevedano aumento di S.l.p. nè cambi d’uso comportanti aggravio di dotazione di servizi) limitatamente alle sole opere interne a singola unità immobiliare e con esclusione delle opere di manutenzione straordinaria incidenti sulla facciata o sulle parti esterne dell’edificio oggetto di intervento;

    2. gli interventi di manutenzione straordinaria, ivi compresa l’apertura di porte interne o lo spostamento di pareti interne, sempre che non riguardino le parti strutturali dell’edificio, non comportino aumento del numero delle unità immobiliari e non implichino incremento dei parametri urbanistici (non prevedano aumento di S.l.p. nè cambi d’uso comportanti aggravio di standard) che comprendano anche opere di manutenzione straordinaria incidenti sulla facciata e/o sulle parti esterne dell’edificio oggetto di intervento (finestre, tettoie, etc. – cfr art 82.3 RE) e/o riguardino più unità immobiliari;

    3. le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e, comunque, entro un termine non superiore a novanta giorni;

    4. le opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni, anche per aree di sosta, che siano contenute entro l'indice di permeabilità, stabilito dallo strumento urbanistico comunale, ivi compresa la realizzazione di intercapedini interamente interrate e non accessibili, vasche di raccolta delle acque, locali tombati;

    5. i pannelli solari, fotovoltaici, a servizio degli edifici, da realizzare al di fuori dei "Nuclei di antica formazione", individuati nella tav. R04 del PdR del vigente PGT;

    6. le aree ludiche senza fini di lucro e gli elementi di arredo delle aree pertinenziali degli edifici;

    7. le opere di manutenzione straordinaria ex art. 64 R.E. comportanti rinnovi e/o sostituzione di parti strutturali degli edifici;

    8. le opere di manutenzione straordinaria ex art. 64 R.E. comportanti frazionamento di unità immobiliari;

    9. le opere di manutenzione straordinaria ex art. 64 R.E. con modifiche di destinazione d'uso comportanti aggravio di dotazione di servizi;

    10. le opere di manutenzione straordinaria non rientranti nell'elencazione di cui al comma 2 dell'art. 6 del D.P.R. 380/2001 (in quanto eccedenti tali previsioni);

    11. le opere di restauro/risanamento conservativo di cui all'art. 65 R.E.;

    12. le opere di eliminazione delle barriere architettoniche, anche mediante realizzazione di manufatti che alterano la sagoma dell'edificio;

    13. demolizioni, reinterri e scavi che non riguardino cave e torbiere;

    14. la realizzazione di parcheggi pertinenziali interrati secondo l'art. 74.1 R.E.;

    15. la realizzazione di parcheggi pertinenziali ai sensi dell'art. 74.2 R.E. (nel sottosuolo degli immobili);

    16. la realizzazione di parcheggi pertinenziali ai sensi dell'art. 74.2 R.E. (in volumi preesistenti);

    17. impianti tecnologici, con nuovi volumi, pertinenziali all’edificio principale (cfr art. 3.1 lett. e.6);

    18. interventi di completamento ai sensi dell'art.105 R.E., riguardanti pratiche edilizie di competenza del Servizio Interventi Edilizi Minori;

    19. Impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili non ricompresi nel precedente punto 5.

    Per gli interventi sopra elencati ai punti 1, 3, 4, 6 occorre presentare Comunicazione di Inizio Attività Edilizia Libera - C.I.A.L. presso gli sportelli delle Zone di Decentramento. Per gli interventi di cui al punto 2 occorre presentare C.I.A.L. presso gli sportelli dello Sportello Unico per l'Edilizia.

    Per gli interventi sopra elencati al punto 5 deve essere seguita apposita procedura telematica FERCEL e per quelli sopra elencati al punto 19 deve essere seguita apposita procedura telematica FERPAS.
    Gli interventi edilizi ricompresi nell'elenco di cui sopra, dal punto 7 sino al punto 18, possono essere eseguiti presentando una richiesta di Permesso di Costruire.

    Per gli stessi interventi edilizi che possono essere realizzati mediante Permesso di Costruire, e salvo che gli stessi necessitino di deroga esplicita, il committente delle opere edilizie può, in alternativa, presentare la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.).

     

     

 

- interventi edilizi maggiori consistenti in opere di:

  • Sono considerati interventi edilizi maggiori le opere di:

    • nuova edificazione;
    • ampliamento;
    • ristrutturazione;
    • recupero abitativo di sottotetto;
    • interventi in attuazione della L.R. 4/2012 ("piano casa");
    • interventi assoggettati ad atto unilaterale d'obbligo nei casi previsti dalla Determinazione Dirigenziale n. 76 del 21/11/2012.

    Per questi tipi di intervento occorre presentare denuncia di inizio attività art. 41 LR 12/05 (DIA) o richiedere permesso di costruire art. 33 L.R. 12/05 (PdC) (vedi moduli allegati); in seguito all'entrata in vigore del decreto legge 69/2013 convertito in Legge 98/2013 per gli interventi di ristrutturazione può essere presentata anche Segnalazione Certificata d' Inizio Attività (SCIA).

     

    Disposizione transitoria per effettuare interventi edilizi  con   "modalità diretta convenzionata" ex art. 11 NTA del PdR del PGT

    In regime transitorio fino alla modifica del Regolamento Edilizio, per gli interventi edilizi con "modalità diretta convenzionata" volta al superamento delle indicazioni morfologiche contenute negli artt.13 e 15  delle N.T.A. del Piano delle Regole del Piano del Governo del Territorio occorre:

    1. Presentare progetto preliminare (art.111 del Regolamento Edilizio) che sarà soggetto a pre-esame tecnico per verifica dell'ammissibilità urbanistico/edilizia e comporterà l'acquisizione del parere vincolante della Commissione per il Paesaggio.

    2. Presentare Denuncia di Inizio Attività o richiesta di Permesso di Costruire corredati da Atto Unilaterale d'Obbligo (si veda nella sezione Allegati, per la Determinazione Dirigenziale n. 76/2012 seguire il percorso: home > come fare per > Sportello Unico per l'Edilizia > Informazioni > Allegati) ai sensi dell'art.11 comma 2 delle N.T.A.del Piano delle Regole del P.G.T. con l'impegno da parte della Proprietà a non apportare modifiche all'involucro esterno del progetto assentito dalla Commissione per il Paesaggio.

     

     

 - Interventi in ambito vincolato:

Per interventi in ambito vincolato occorre ottenere l’autorizzazione dall’Ente di tutela del vincolo.
In caso di vincolo monumentale (ai sensi della Parte II del D.Lgs. 42/04 - ex L. 1089/39) bisogna rivolgersi agli uffici della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Milano.
In caso di vincolo paesaggistico ambientale (ai sensi della Parte III del D.Lgs. 42/04 - ex L. 1497/39 e L. 431/85) bisogna rivolgersi all’Ufficio Tutela del Paesaggio (Comune di Milano, Settore Sportello Unico per l’Edilizia, vedi sezione “Collegamenti” in questa pagina).
Non sono soggetti a verifica dell’impatto paesistico i progetti per i quali sono state acquisite le autorizzazioni sopra menzionate.

 

- Condono edilizio:

Redazione e presentazione presso l'Ufficio Condono il quale gestisce l'istruttoria e il rilascio delle concessioni edilizie/autorizzazioni edilizie/permessi di costruire a sanatoria (ai sensi della L.n.47/85, della L.n.724/94 e della L.n.326/03 - ultimo condono edilizio) e dei relativi certificati abitabilità/agibilità speciale.

Inoltre si effettuano verifiche e eventuali integrazioni per poter ottenere la definizione di pratiche di condono edilizio gia' presentate al fine di ottenere il rilascio delle concessioni edilizie, delle autorizzazioni edilizie e dei permessi di costruire a sanatoria, dei certificati di abitabilità/agibilità speciale e dei certificati di abitabilità/agibilità ordinaria (solo per le concessioni presentate con la procedura ante L. n. 493/93 e successive modifiche).
 

- Visure di pratiche edilizie e richiesta copie:

Il geom. Adriano De Marco, su richiesta e delega del proprietario, effettua presso l'Ufficio Visure (istituito ai sensi della L.n. 241/90 - Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi) visure di fascicoli edilizi e presenta richiesta di copia degli atti e dei documenti amministrativi elaborati dal Comune di Milano o comunque utilizzati ai fini dell'attività amministrativa, che riguardano interventi di edilizia privata sul territorio comunale.

 

Soluzioni per interni

Spesso ci si trova in difficoltà nel decidere una soluzione ottimale per gli interni e proprio per tale motivo diventa utile uno studio "su carta" cioe' un progetto 2d ed un eventuale rendering per poter determinare le soluzioni ottimali di arredamento.

Ristrutturazione di fabbricati ed appartamenti

Il geom. Adriano De Marco si occupa di qualsiasi tipo di ristrutturazione, a partire dalla semplice ristrutturazione di locali come bagno e cucina, ad arrivare ad opere di manutenzione straordinaria sia interne che esterne.
Il cliente verra' affiancato nella fase iniziale durante la quale si studierà una soluzione progettuale che possa soddisfare le proprie richieste ed esigenze e che allo stesso tempo sia allineata alle piu' recenti leggi e normative.
In un secondo momento, una volta decisa la soluzione progettuale piu' idonea, grazie all'aiuto di software per la realizzazione di disegni tridimensionali, qualora il cliente ne sentisse la necessità, si potrà avere una soluzione fotorealistica del progetto ed un eventuale studio dell'arredamento.
Una volta stabilita la soluzione ottimale si potrà procedere con l'espletamento delle pratiche necessarie per poter eseguire le opere.
Il geom. Adriano De Marco si avvale dell'appoggio dell'impresa edile di fiducia che potrà fornire un preventivo dettagliato per poter valutare anche i costi di realizzazione.

Nuove costruzioni

La realizzazione di nuove costruzioni richiede uno studio preliminare molto dettagliato, preceduto da un rilievo topografico dell'area dove sorgera' la nuova costruzione, utile sia per determinare la superficie massima edificabile, sia per determinare le distanze minime dal confine entro il quale si potrà realizzare il nuovo progetto.
La tecnologia sotto questo punto di vista offre grandi aiuti, poiche' lo studio preliminare in tre dimensioni consente di studiare nel dettaglio l'opera e di vederla prima che venga realizzata.
Il geom. Adriano De Marco propone al cliente tutte le figure professionali necessarie per la realizzazione di nuove costruzioni, le quali dovranno eseguire calcoli strutturali, certificazioni energetiche, piani della sicurezza, prevenzione incendi e soprattutto l'impresa esecutrice che realizzerà l'opera.
Il cliente sarà assistito durante tutto il corso dei lavori, dallo studio preliminare alla consegna della nuova realizzazione.

Idoneità alloggiative - attestazione di idoneità abitativa

 

E' il documento che attesta quante persone possono abitare in un alloggio, tenendo conto della superficie.

Per i  casi di ricongiungimento familiare e per  alloggi con superficie inferiore al minimo consentito di mq. 28,8, i Settori Zona  procedono al rilascio dell’attestazione di idoneità abitativa  e all’accertamento dei requisiti igienico sanitari.

L’accertamento di questi requisiti deve avvenire attraverso  un sopralluogo che può essere effettuato, secondo la scelta del richiedente, attraverso tre canali:

-          professionista abilitato a cui si rivolge il richiedente - in questo caso il richiedente potrà rivolgersi al Geom. Adriano De Marco.
-          ASL 
-          Collegio dei geometri e dei geometri laureati della Provincia di Milano

A che cosa e a chi serve

L’attestazione di Idoneità abitativa risulta indispensabile per tutti i cittadini extracomunitari per  ottenere:

  • Il contratto di soggiorno per lavoro subordinato, inclusa per la regolarizzazione delle colf e badanti (L.102/2009)
  • Il Permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo – già carta di soggiorno – eventualmente estesa anche ai familiari
  • L’ingresso per lavoro autonomo
  • Il ricongiungimento dei familiari, se questi si trovano all’estero
  • L’ingresso di familiari al seguito
  • La  coesione familiare, quando i familiari sono già in Italia

Dove richiederla

La domanda di idoneità abitativa deve essere presentata allo Sportello zonale

Documenti necessari per presentare la domanda  (portare gli originali in visione):

  1. Contratto registrato di affitto o di comodato e/o rogito.
  2. Planimetria catastale dell’appartamento o, in alternativa, planimetria predisposta da un professionista iscritto all’Albo (In questo caso ci si potrà rivolgere al Geom. Adriano De Marco per realizzare una planimetria aggiornata o per ottenere la planimetria attuale presso il Catasto).
  3. Permesso di soggiorno in corso di validità o,se scaduto da più di 60 giorni, ricevuta postale di richiesta di rinnovo oppure carta di soggiorno/permesso di soggiorno C.E. per soggiornanti di lungo periodo.
  4. Carta di identità o passaporto in corso di validità.
  5. Delega, insieme a fotocopia documento di identità del delegato, nel caso in cui il richiedente non possa ritirare di persona la richiesta di attestazione.
  6. SOLO SE  la richiesta riguarda alloggi con superficie inferiore al minimo consentito di mq. 28,8, ovvero è finalizzata ad ottenere il ricongiungimento familiare:

a) ricevuta dell’avvenuto versamento, effettuato a favore di Asl o Collegio dei Geometri della Provincia di Milano, per l’attività di verifica dei requisiti igienico – sanitari e di idoneità abitativa;
b) in alternativa alla predetta ricevuta, originale della scheda tecnica (utilizzare unicamente la scheda allegata)  predisposta da professionista incaricato dal soggetto richiedente;
c) certificato di conformità a norma degli impianti a gas ed elettrici.

In  tutti i casi, se sono presenti cointestatari, allegare anche fotocopie documento d’identità del/i cointestatario/i.

Perizie di stima

Spesso si presenta la necessità di conoscere il valore della propria unità immobiliare. Il Geom. Adriano De Marco potendo vantare numerose esperienze pregresse in campo peritale potrà fornire una perizia di stima sia in carta semplice sia stragiudiziale (perizia giurata). La perizia sarà corredata da documentazione tecnica, fotografie ed una scheda tecnica relativa alle caratteristiche dell'unità immobiliare oggetto di stima.

Rendering 3d fotorealistici

Il rendering 3d attualmente risulta essere forse lo strumento piu' utile per la progettazione poichè permette di studiare l'opera nel minimo dettaglio.
Il geom. Adriano De Marco realizza qualsiasi tipo di rendering 3d, a partire da un semplice studio di arredamento fino ad arrivare alla realizzazione di rendering di esterni e di fotoinserimenti, grazie ai quali si puo' determinare l'impatto che il nuovo fabbricato avra' sull'ambiente circostante.

Perizie per danni

Nella vita di condominio spesso e poco volentieri si verificano problematiche tra vicinato a seguito di perdite o rotture di impianti. La situazione che si ci trova davanti è sempre la stessa: Chi dovrà pagare? quanto dovrà pagare? Proprio per questo scopo il Geom. Adriano De Marco effettua sopralluoghi di verifica per determinare innanzi tutto le cause del guasto, determinarne le competenze e successivamente valutarne i costi di riparazione. Allo stesso tempo verrà effettuata la stessa operazione per il danneggiato il quale avrà appoggio tecnico per valutare e stimare il danno subito e preventivare il costo di ripristino dei danni. Il tutto sarà documentato da numerose riprese fotografiche ed una scheda tecnica riassuntiva.